Nutrirsi di colori e di luce

  • -

Nutrirsi di colori e di luce

Nutrirsi di luce e colori“Nutrirsi di colori e di luce” è il titolo di un capitolo del libro “Mangiare sano. Semplice guida per aumentare le difese immunitarie a tavola” in edicola con il quotidiano di Cremona “La Provincia” a partire dal 13 giugno.

I colori ed i raggi solari sono indice di due differenti fonti vitaminiche di vitale importanza per la corretta risposta immunitaria. La vitamina A e la vitamina D.

La vitamina A dà i colori intensi alla frutta ed agli ortaggi. Non solo il rosso e l’arancione, ma anche il viola, il blu ed i colori molto scuri del cavolo nero, dei mirtilli, degli spinaci. Una tavolozza di colori che ci informa sulla ricchezza dell’alimento.
Un’altra vitamina amica è la vitamina D. È una vitamina conosciuta perché fa assorbire e fa fissare il calcio: salva le ossa. Ma ha numerose altre funzioni essenziali.

La sua carenza è connessa alla riduzione della risposta immunitaria. Gli alimenti che la contengono sono relativamente pochi. I pesci grassi, le uova, alcuni formaggi, i funghi. In effetti la fonte principale di vitamina D non è il cibo, ma i raggi solari.

L’esposizione al sole permette al nostro organismo di trasformare i precursori della vitamina D che si trovano nel tessuto sottocutaneo di trasformarsi in vitamina D attiva. I raggi del sole sono a tutti gli effetti un nutrimento. Soprattutto per i bambini e per gli anziani.

A seguire: Elogio del colesterolo

Nutrirsi di colori e di luce ultima modifica: 2020-06-09T11:44:35+02:00 da Puerari