INTOLLERANZE ALIMENTARI

  • 0

INTOLLERANZE ALIMENTARI

Intolleranze alimentari Cremona

Le intolleranze alimentari possono essere definite patologie o disturbi connessi all’assunzione di cibo la cui prima causa non è la risposta allergica. Numerosi processi possono essere causa di intolleranze: carenze enzimatiche, alterazioni della flora batterica intestinale, reazioni infiammatorie, disturbi funzionali neurovegetativi.

Gli squilibri che possono causare intolleranze alimentari sono i più disparati: colon irritabile, colite ulcerosa, morbo di Crohn, gastrite, ulcera gastrica o duodenale, insufficienza epatica, colecistopatie, pancreatite, malassorbimento intestinale, sprue, resezioni intestinali, intossicazione da metalli pesanti, somatizzazioni …

“Leggi tutto”


  • 0

Mangiaa Nustraan

mangiaa nustraanMangiaa Nustraan è un ricettario di ricette cremonesi curato dal gastronomo ed architetto Mino Galetti, pubblicato giorno per giorno, come inserto, dal quotidiano cittadino “La Provincia” nel lontano 1995. Galetti ha diretto una squadra di operatori ed appassionati del settore: P. Fenocchio (chef), Dr F. Puerari (dietologo), F. Malinverno (enotecnico), O. Pegorini (fotografo).

La redazione e la direzione della Provincia hanno dato il meglio per fornire un prodotto editoriale di qualità (Schede plasticate e raccoglitore ad anelli a prova di cucina).

“Leggi tutto”


  • 0

Diabete

diabeteIl diabete è una malattia caratterizzata da valori di glucosio nel sangue superiori alla norma.
Ci sono due  tipi di diabete: Tipo I e Tipo II.

Diabete di tipo I. Diabete insulinodipendente. Si manifesta in genere nella fanciullezza o nella prima adolescenza. Scarsa produzione o assenza di produzione di insulina. Aumento della diuresi, aumento dell’assunzione d’acqua, aumento dell’appetito, calo ponderale.

Diabete tipo II. Viene detto anche florido in quanto spesso associato ad obesità. Non è insulinodipendente, è il più frequente (85% dei diabetici). Compare in età adulta, si manifesta gradualmente per una lenta riduzione della secrezione d’insulina o per resistenza tissutale all’azione dell’insulina. È la risultante di fattori genetici ed abusi alimentari. L’adiposità centrale gioca un ruolo fondamentale poiché gli adipociti viscerali sono più resistenti all’insulina.

“Leggi tutto”


  • 0

Dieta dimagrante Cremona

Dieta dimagranteDieta dimagrante: dimagrire in sicurezza. Se si vuol dimagrire in sicurezza, è bene evitare le diete dimagranti iperproteiche. Cambiano spesso di nome. Ma sono sempre le stesse. Hanno fortuna per un certo periodo, vengono dimenticate per un po’ e poi ricompaiono sotto nuova forma.
Come riconoscerle? Semplice. Sono quelle diete abbondanti di carne magra, pesce ed ortaggi, e prive o estremamente povere di derivati dei cereali (pane, pasta). Oppure sono le cosiddette “diete dissociate”: alcuni giorni ricchi esclusivamente di carne, pesce ed ortaggi, intervallati da un giorno in cui ricompaiono frutta e cereali.

“Leggi tutto”


  • 0

Grande Guerra. La cucina

Cassa_cotturaGli Austro-Ungarici, cucine rotabili. Gli Italiani, cucine someggiabili e casse di cottura. Una guerra combattuta anche col rancio.

Casse di cottura

Costituite da una marmitta e da un fornello che servivano per iniziare la cottura e da una cassa in legno, foderata di materiale coibente, dove la cottura si completava. Un sistema ingegnoso per utilizzare il calore stesso del cucinato per garantire la cottura.

“Leggi tutto”

  • -

  • 0

Le garganelle o fungo Melina

Dietologi Cremona fungo melinaFungo Melina: Le gaganéle, sono dei funghi. Nel linguaggio corrente vengono appunto chiamate meline. Sono i funghi senza gambo che crescono a semiluna sui ceppi e sui tronchi dei grandi alberi. Il nome meline non deriva dal frutto, la mela, ma dal latino mellina (delizia) o mellea (buona come il miele).

“Leggi tutto”

  • 0

OGM

OGMSelezione naturale e selezione biogenetica.

Una svolta storica. Siamo di fronte ad una rivoluzione destinata a segnare la nostra epoca. Non si pecca d’esagerazione paragonando la biogenetica alle scoperte che hanno segnato il progresso umano nel bene e nel male, come la scoperta del fuoco e la scoperta dell’energia atomica.

“Leggi tutto”


  • 0

Alcool e guida

alcool e guidaAlcool e guida: l’alcolemia è la misurazione della quantità di alcool etilico nel sangue, l’alcool contenuto da vino, birra, alcoolici. Questa rilevazione può essere fatta in modo diretto con il prelievo del sangue ed in modo indiretto con l’espirazione.
La rilevazione del respiro si ottiene soffiando in direzione di un sensore, è la rilevazione utilizzata dalle forze dell’ordine per il controllo della sicurezza nella guida.

“Leggi tutto”


  • -

Oligoterapia Litoterapia Cremona

Litoterapia Cremona

litoterapia cremonaLa litoterapia utilizza a scopo terapeutico alcuni minerali e rocce diluiti e dinamizzati secondo il metodo omeopatico. La diluizione utilizzata è la 8a decimale (1×10-8) in fialoidi. A differenza della oligoterapia in cui si utilizzano i singoli elementi, in litoterapia si utilizza il minerale intero. L’attività terapeutica della litoterapia si sviluppa con due azioni: attivazione enzimatica ed azione dechelatrice.

Attivazione enzimatica. I processi biochimici indispensabili alla cellula, necessitano di enzimi catalizzatori che hanno bisogno nel corso della reazione metabolica di infinitesime quantità di minerali. Il metallo o metalloide, può far parte integrante dell’enzima, oppure combinarsi con la molecola enzimatica. I litoterapici agiscono quali co-enzimi attivatori delle reazioni indispensabili alla vita.

Azione dechelatrice. Molti nutrimenti forniti dalla alimentazione corrente contengono minerali non assorbibili perché sono stati addizionati o contengono naturalmente sostanze che li rendono non assimilabili. Si tratta di processi di chelazione i cui principali responsabili sono i fitati, gli ossalati, i fosfati, gli stabilizzanti chimici. Gli ioni forniti dai litoterapici entrano in competizione attiva nei confronti dei chelanti, liberando e rendendo disponibili i minerali indispensabili alla salute.
La litoterapia rientra nel campo omeopatico delle terapie di terreno. Per terreno in omeopatia si intende l’insieme di caratteristiche dell’individuo che condizionano le risposte alle patologie. Il terreno è in parte determinato dal codice genetico ed in parte acquisito per gli stimoli derivati dal mondo esterno.

In litoterapia si distinguono cinque terreni: la struttura vascolare; la struttura reumatica; la struttura neuro-allergo-respiratoria; la struttura epato-renale; la struttura cancerinica.
Ogni terreno risponde preferibilmente a determinati litoterapici.
I litoterapici abitualmente utilizzati sono 48.

L’azione attivatrice e dechelatrice dei litoterapici può essere adottata anche in medicina ufficiale classica, senza ricorrere alle classificazioni omeopatiche delle patologie, ma semplicemente ricorrendo alle indicazioni secondo diagnosi.


Oligoterapia 

Gli oligoelementi sono metalli o metalloidi che si trovano in quantità infinitesimali negli organismi viventi sia animali che vegetali. Gli oligoelementi sono dei biocatalizzatori che accelerano e rendono possibili le reazioni biochimiche. Sono indispensabili alla vita cellulare.

Nel 1932 Jaque Menetrier intravide la possibilità di sfruttare la capacità terapeutica degli oligoelementi. Ne propose l’uso preventivo nei confronti delle predisposizioni patologiche che chiamò Diatesi (dal greco diathesis: disposizione).

Menetrier individuò quattro grandi predisposizioni associate a specifici oligoelementi: Diatesi n. 1, Allergica-Artritica (manganese); Diatesi n. 2, Ipostenica-Infettiva (manganese-rame); Diatesi n. 3, Distonica (manganese-cobalto); Diatesi n. 4, Anergica (rame-oro-argento).

Individuò inoltre un gruppo di oligoelementi complementari con singole indicazioni.

La diluizione degli oligoelementi è la 8a decimale (DH) in fialoidi.

I Sali di Schüssler sono 12 singoli oligoelementi in compresse da sciogliere in bocca alla diluizione 6a decimale.